AMMANITI, Nicolò - Come Dio comanda

Premio Strega 2007
Oltre a raccontare la storia di un ragazzino e suo padre, la storia ci restituisce anche un ritratto dell'Italia d'oggi, con le sue trasformazioni, le sue contraddizioni, le sue brutture.
In un paesaggio di desolanti periferie, dove si susseguono centri commerciali, capannoni e baracche, dove gli uomini e le donne trascorrono il tempo a imbottirsi di fiction o soap opera confrontando la realtà con le vicende ideali dei personaggi televisivi, dove l'ignoranza e l'indigenza sfociano nella violenza, si snodano le esistenze di Rino e Cristiano Zena: il loro complicato e tragico rapporto di padre e figlio è il fulcro del romanzo di Ammaniti.
I protagonisti sono figure ai margini, personaggi "estremi", estremamente violenti, estremamente instabili ma anche, seppur a modo loro, estremamente capaci di amare; annaspano in un mondo in continuo cambiamento, travolti dalle loro paure, dal loro odio per chi è debole e diverso, in primo luogo gli extracomunitari, dal terrore di perdere le loro certezze, il lavoro, gli affetti.
Personaggi di forte spessore, che colpiscono per la loro sorprendente umanità, l'ambientazione suggestiva e allo stesso tempo realistica, la trama dal ritmo incalzante e dai risvolti imprevedibili, la capacità di tratteggiare un ritratto vivace e grottesco della società contemporanea, sono questi gli ingredienti del nuovo romanzo di Niccolò Ammaniti, che già si preannuncia destinato a un successo non minore dei suoi precedenti.

Nasce a Roma il 25 settembre 1966. Il suo primo romanzo, "Branchie!", esce nel 1994 per la casa editrice Ediesse, e verrà poi ripubblicato nel 1997 per Einaudi Stile libero. Assieme al padre Massimo, docente di Psicopatologia generale e dell'età evolutiva presso La Sapienza di Roma, ha pubblicato "Nel nome del figlio", un saggio sui problemi dell'adolescenza. Nel 1996 pubblica per Mondadori la raccolta di racconti "Fango"; tre anni dopo esce, sempre per Mondadori, "Ti prendo e ti porto via", ma è il suo romanzo successivo, "Io non ho paura", Einaudi Stile libero 2001, a farlo conoscere al grande pubblico con il quale ha vinto il Premio Viareggio, Niccolò è l'autore più giovane ad aver vinto questo storico premio. Nel 2006 ha pubblicato per Mondadori il romanzo "Come Dio comanda", che compone, insieme a "Io non ho paura", un ideale dittico sul rapporto padre-figlio e vincitore del premio Strega. Nel 2009 pubblica il romanzo "Che la festa cominci" e l'anno successivo "Io e te", nel 2012 "Il momento è delicato" tutti per Einaudi stile libero.Dai suoi libri sono stati tratti al momento quattro film: "L’ultimo capodanno" (di Marco Risi, 1998); "Branchie" (di Francesco Ranieri Martinotti, 1999); "Io non ho paura" e "Come Dio comanda" (entrambi diretti da Gabriele Salvatores, 2003 e 2008). "Io e te" (di Bernardo Bertolucci, 2012). I suoi libri sono stati tradotti in 44 Paesi.

>> Revenir aux livres


"Assemblée générale 2016 de la Dante Alighieri"

Samedi 13 Mai 2017

15 Heures
Dans les locaux de l'association

NICE

Début des inscriptions pour l'année 2017-2018
à partir du 4 septembre 2017

lundi, mardi et mercredi de 14h30 à 18h30



Début des cours pour l'année 2017-2018
lundi 2 octobre 2017